Avvertenza

L’Eterno Assente parla della divinità, in tutte le forme in cui Homo sapiens se l’è inventata: Yhwh, Dio, Allah e anche altre. Parla pure di fede e di religione. E ne parla male. Molto male. Con un lessico non esente dal turpiloquio.

Sicché, se la tua fede è delicata e la tua sensibilità è elevata, lascia perdere: non leggere gli articoli de L’Eterno Assente. Potresti perfino considerarli blasfemi.

Se invece ti interessa una sfida intellettuale onesta, allora procedi pure. Ma ripeto: a tuo rischio e pericolo. Poi però non dire che non ti avevo avvisato. E soprattutto non rompere i coglioni.

C.G.