Inclusione

Ma senza sacrificare la scorrevolezza e la leggibilità.


«Questo verbo esprime la esatta sfumatura semantica che voglio comunicare, oppure potrei usare un sinonimo più efficace? E quella virgola si giustifica oppure è meglio toglierla?». Io soffro, quando scrivo.

Il complimento più bello che mi sia mai stato rivolto da una lettrice è: «Sembra di ascoltare la tua voce». Tuttavia dietro questo stile colloquiale e scorrevole c’è un lungo e sofferto lavoro di revisione e cesellatura: ogni parola, ogni segno di interpunzione negli articoli de L’Eterno Assente è frutto di una scelta ponderata. In particolare sto attento all’inclusività.

Adesso però anche basta.

Continua a leggere

Ancora sull’argomento morale

In primo piano

Esiste un nucleo di valori e di doveri morali condivisi? Forse. Ma attenzione: «condivisi» non è sinonimo di «oggettivi».

Letture:
Esiste una neurobiologia del comportamento morale?
Children’s Extension of Disgust to Physical and Moral Events
La banalità del male
Esperimento di Milgram
Mummy Juanita

Se vuoi esprimere la tua opinione su questo video, scrivi a leternoassente@gmail.com

Una nuova sfida: perché?

Magari qualcuno, fra gli apologeti del Dio abramitico là fuori, vuole cimentarsi con la metanoia di un alieno.


La fregatura, con Dio, è che tutti sappiamo che cos’è. O pensiamo di saperlo, ché poi quando si tratta di definirlo si scopre che ciascuno ne ha un’idea differente. Però qualche caratteristica condivisa nell’immaginario collettivo c’è, almeno nella cultura occidentale: un’entità trascendente, onnisciente, onnipotente, buona, creatrice dell’universo. Per qualcuno interagisce con l’universo e «fa cose», per qualcun altro se ne sbatte dopo aver creato tutto. È più o meno antropomorfa, a seconda della propensione individuale verso il pensiero astratto. A volte è unica, altre volte è plurima in qualche senso misterioso. Comunque è pressappoco quella cosa lì. Perciò, quando se ne discute, di solito si parte da quell’idea per cercare di dimostrarla o di confutarla. Ma che cosa accadrebbe se dovessimo discutere di Dio con qualcuno che non ne ha mai sentito parlare? Qualcuno nella cui cultura l’idea di una divinità non è mai comparsa? Un alieno, per esempio: un essere con le stesse conoscenze scientifiche degli umani contemporanei ma del tutto ignorante su Dio, il trascendente, la teologia. Che cosa gli direbbe un credente per convincerlo dell’esistenza di Dio, in particolare nella versione della tradizione abramitica?

Continua a leggere

Sono sempre un fancazzista

Quest’anno però un po’ meno.


Chi segue L’Eterno Assente da almeno un anno lo sa: in primavera, a volte un po’ prima e a volte un po’ dopo, qua si tira giù la saracinesca e ci si prende una bella pausa che si protrae per tutta l’estate e talvolta anche per una parte dell’autunno. Può durare tre mesi. Pure quattro. Perfino cinque. Durante i quali L’Eterno Assente non pubblica nulla. Perché – come spiegavo l’anno scorso – io sono un fancazzista. Quest’anno però un po’ meno.

Continua a leggere

Rientro

Con qualche novità.


L’Eterno Assente torna nella tua vita. Dopo cinque mesi di (prolungata) pausa estiva, rieccomi con i miei pipponi sotto forma di articoli, di video/podcast, di suggerimenti di lettura ma anche di altre cose che nel frattempo ho messo in cantiere. Nell’ultimo video avevo promesso un sondaggio per capire se alcune potessero essere gradite ai miei follower, ma poi ho pensato: «Sai che c’è? Faccio di testa mia». E le ho implementate. Se piacciono, bene. Se invece non piacciono, prendo atto del fallimento e le elimino.

Continua a leggere

Sono un fancazzista

Per L’Eterno Assente inizia la pausa estiva. Di già?


So che cosa stai pensando: che io sono un fancazzista. E sai che c’è? Un po’ hai ragione: oltre che un discreto fallito, io sono pure un fancazzista. Le due cose vanno insieme, peraltro: se sono un fallito è anche – direi anzi soprattutto – perché sono un fancazzista. E viceversa: sono un fancazzista perché sono consapevole del fallimento ineluttabile di ogni mio sbatti. D’altronde anche quest’anno arrivo all’estate «un po’ stanchino» (cit.). Sicché entro in modalità «pausa estiva» da adesso fino a ottobre.

Continua a leggere

Comunicazione di servizio: si riprende

Da oggi, LUNEDÌ 12 OTTOBRE 2020, L’Eterno Assente riprende le pubblicazioni, con la programmazione abituale.

  • Lunedì: «Parola di Dio» (citazione dai Libri sacri dei monoteismi abramitici
  • Martedì: «Io senza Dio» (domande rivolte alle persone atee)
  • Mercoledì: articolo
  • Giovedì: video
  • Venerdì: Florilegio digitale (consiglio di lettura)

Quelle cose lì…

…ma anche altre, altrove. Ché L’Eterno Assente va in vacanza, as usual.


Sono stanco. E tu dirai: «Ma stanco di che cosa? Non fai un cazzo tutto il giorno! Specie con la quarantena delle ultime settimane, poi!». Invece no. La quarantena non ha cambiato la mia vita di un epsilon, dal punto di vista del lavoro. Soprattutto non ha cambiato il mio impegno con L’Eterno Assente, che impone una periodicità rigorosa: ogni lunedì «Parola di Dio», ogni martedì «Io senza Dio», ogni mercoledì un articolo, ogni giovedì un video, ogni venerdì una lettura lunga del Florilegio digitale. Ed è proprio quest’obbligo – un obbligo preso con me stesso, certo, ma non per questo meno tassativo – che adesso mi pesa un po’. Me ne accorgo anche dalla mia scrittura: un po’ meno entusiasmo, un po’ più di fatica. Non dovrebbe essere così. Ergo mi prendo una pausa. Più breve di quella dell’anno scorso, ma me la prendo. Sospendo la pubblicazione degli articoli, dei video e delle rubriche de L’Eterno Assente. Eppure non sparisco del tutto, stavolta. Qualcosa, senza scadenze né periodicità né programmazione, lo faccio passare altrove. Qualcos’altro, però.

Continua a leggere