Meglio soli…

rust racconta la propria Storia per «Io senza Dio».


Più ci penso e meno riesco a ricordare un momento della mia mia vita in cui sia stato credente. So di averci provato, non perché trovassi interessante il concetto di fede, bensì per il bisogno di assomigliare agli altri, per amalgamarmi con il contesto. In fondo si inizia per gioco: tutti i bambini lo fanno per questo motivo. A una certa età non si pensa ad altro che a divertirsi, e dove ci sono più bambini è meglio. Infatti gli adulti è proprio questo che ti dicono: «Va’ in parrocchia. Vedrai quanti amichetti!». Quindi tu vai a giocare e non puoi capire che da quel momento inizia un lavaggio del cervello.

Continua a leggere

PDFPrint