La fine dell’ansia

Giorgio Guglielmino racconta la propria Storia per «Io senza Dio».


E così, tre anni fa, all’alba dei miei 45 anni, mi sono trovato senza Dio.

Erano ormai parecchi anni che mi domandavo sempre più di frequente se i classici modi di dire come «Mistero della fede» oppure «Siamo troppo piccoli per capire il disegno di Dio» oppure «Non peccare e andrai in paradiso» avessero veramente senso oppure fossero solo frasi fatte per nascondere il fatto che Dio non esiste e ci devi credere per forza anche se non ha senso farlo.

Perciò sì, all’alba dei miei 45 anni, ero diventato ateo.

Da lì in poi ho scoperto che in realtà non sapevo molto della mia religione cattolica. La Bibbia non l’avevo mai letta. Ero rimasto fermo alle nozioni apprese dalle ore di religione a scuola, dal continuo bombardamento di dottrina cattolica fatto dalle televisioni italiane, dalle ore spese a catechismo quando ero un bambino, dal consenso generale secondo il quale devi essere un buon cristiano.

Così ho iniziato a informarmi e – incredibile ma vero – ho iniziato a leggere la Bibbia. Inoltre sono andato a cercare gli studi fatti dagli storici sulla sua veridicità e la sua storicità e sull’esistenza o meno dei personaggi descritti in essa. Così sono arrivato alla conclusione che la Bibbia è una grandiosa raccolta di cazzate, e oggi mi sento un po’ imbarazzato per averci creduto per così tanti anni. Mi sono anche accorto che in realtà i miei professori di religione e di catechismo non mi avevano mai consigliato di leggere quel libro di fantasie: si erano limitati a scegliere i brani che volevano che noi leggessimo e imparassimo, per poi arrivare a interpretazioni ancora più fantasiose che avevano veramente poco a che fare con le stronzate scritte nel libro.

Un altro cambiamento di cui mi sto rendendo conto, da quando sono diventato ateo, è che in generale sono molto meno ansioso.

Quando ero credente avevo molta paura di pormi domande esistenziali, come per esempio «Che cosa succede dopo la morte?». Beh, mi avevano sempre detto che solo il corpo muore e che la nostra anima andrà in paradiso, dove ci attende una vita gloriosa, sempre illuminata da Dio. L’unica condizione per arrivare a quella stupenda vita eterna consisteva nel fare i bravi e seguire ciecamente le regole del Signore. Nonostante ciò, avevo una paura enorme della morte. Quando ci pensavo stavo proprio male. Da una parte cercavo di consolarmi dicendomi che sarei stato salvato: ok sì, dai, non ero proprio un buon cristiano, ma non avevo mai ucciso, non avevo mai rubato, perciò sarei andato in paradiso, no? Dall’altra parte vedevo la morte come un’esperienza terrificante: il nostro corpo cessa di funzionare e tutti i nostri pensieri, sentimenti, sensazioni, morali, preferenze muoiono con il nostro cervello. Siamo sepolti sotto due metri di terra, poi il buio totale. Fine. L’idea di finire sotto terra mi terrorizzava. Ero spaventatissimo. E molto, molto ansioso.

Oggi ho cambiato il mio modo di pensare e di pormi in relazione all’idea della morte e alle altre questioni esistenziali. Non ho più paura. Non ho più ansia per il fatto che un giorno cesserò di esistere. Ho iniziato ad accettare l’idea che il mio corpo tornerà alla Natura. Dopo averne usufruito per tutta la mia vita mangiando animali e piante, mi sembra giusto ed equo tornare a essere parte di essa. Ho accettato che il mio cervello cesserà di esistere nel momento della mia morte. Non farà più nessuna differenza che cosa accadrà al mio corpo dopo quel momento.

Non so se il fatto di essere meno ansioso, da quando sono diventato ateo, è solo una coincidenza o no. Però il fatto che, nel momento della mia morte, non dovrò rispondere a un guardone narcisista criminale invisibile mi fa sentire molto più tranquillo. L’idea che, durante la mia vita quotidiana, non c’è un essere perverso che mi giudica quando mi faccio una pippa mi fa vivere meglio. L’idea che non sono un peccatore solo perché sono nato, visto che il peccato originale è solo una tremenda porcata inventata dalla Chiesa per farmi sentire in colpa per il resto della mia vita, mi fa vivere molto più rilassato.

Giorgio Guglielmino


Vuoi raccontare anche tu la tua Storia per «Io senza Dio»? Spediscila a L’Eterno Assente, ma prima consulta il Regolamento

Tutte le Storie di «Io senza Dio»


Qui sotto trovi la possibilità di commentare quest’articolo. Per farlo, devi
1. confermare che sei ateo/a,
2. essere consapevole che, se menti, stai commettendo il gravissimo peccato di apostasia,
3. aspettare che il commento sia approvato dall’admin.
L’approvazione dei commenti dipende dall’insindacabile e inappellabile giudizio dell’admin. Se vuoi saperne di più a proposito dei commenti, puoi consultare le FAQ.
Inoltre puoi commentare gli articoli e i post nel Gruppo Facebook de L’Eterno Assente, se ti iscrivi al Gruppo dopo aver risposto a una semplice domanda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *